Siete dei – Chiara Daino – (2016)

 

Siete dei è un libro pieno di “m” ed esorta a uno sforzo creativo per produrre delle “m”, concentrandosi sui propri mezzi (senza invischiarsi nelle “m” altrui). Un libro che sa mazzolare ed essere memento. Scaglia le sue parole contro qualcuno e qualcosa, ma non è da considerare un’invettiva – o, perlomeno, non un’invettiva gratuita. Le “m” di cui si riempie, per comporre un puzzle di pezzi di “m” da aggredire, sono così levigate da ammutolire e lasciare ad occhi aperti. Sono delle “m” preziose, che risplendono di ritmo, poesia, fantasia e umorismo: insomma, un insieme assolutamente gradevole da leggere.

Il lettore, solitamente, alla “m” non ci pensa. Magari lo fa pure, ma in maniera superficiale. E tende sempre un po’ a guardare alla “m” degli altri. Leggendo Siete dei, si trova, invece, di fronte a una specie di punto di svolta della sua vita da lettore, poiché è chiamato a rendersi conto che per tutti giunge, prima o poi, quel momento in cui è inevitabile rimestare le proprie “m”. E se non ci si è sforzati in maniera corretta, a combinarle [queste “m”], viene fuori un gran brutto pasticcio.

Ma perché la “m” è così importante? L’interrogativo sorge spontaneo, ma per rispondere si rischia di perdere il filo del discorso, per cui invito a leggere La Merca, per rendere l’idea di cosa possa essere un marchio. Tornando a noi, invece, basti pensare a dove si posiziona la “m” nell’alfabeto italiano: esattamente nel mezzo.

Osservare la parte centrale di qualcosa ci connette con l’essenza di questo qualcosa. Siete dei sfrutta, quindi, il mezzo per occuparsi di tanti piccoli pezzi di “m” e individuare diversi argomenti che si lavora ben bene. E si tratta di pezzi che possono andare ad assemblarsi, formando una struttura generale delineata e precisa.

Anche se il libro, che è un vero e proprio testo vivente, si definisce «incomprensibile», il messaggio è diretto.

Anche se il libro ci racconta di sé, siamo di fronte a un sé che ha a che fare con l’esistere – e l’esistere (almeno in linea teorica) dovrebbe riguardare un po’ tutti noi.

Sì, perché, se parliamo di “essenza”, possiamo parlare anche di “origine” e “natura”, possiamo pensare a “Storia” e “attualità”, “mitologia” e “favola”, nonché a realtà “immanenti” e “trascendenti”. Ma ora sto iniziando a invischiarmi in “m” che non mi competono, per cui è meglio smettere.

Del resto, sono anch’io un pezzo di “m” e (grazie a Siete dei) avrò modo di ricordarlo spesso, ma – cosa ben più importante – di agire affinché io sia un pezzo di “m” migliore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...